I QUARESIMALI

dolcezze | 27 marzo 2014 | By

 

 

La tradizione racconta che siano stati inventati a metà dell’ ottocento dalle monache di un convento situato nelle vicinanze di Prato, a Calenzano.

Ricetta povera, il solo peccato era il cacao poi albumi
e farina.
L ‘assenza di burro e di altri grassi di origine animale in questi particolari biscottini  “I Quaresimali” sarebbe
un segno di penitenza, mi piace pensare che la loro origine sia
veramente legata alla Pasqua.
Con le forme alfabetiche dei biscotti  le
suore facevano giocare i bambini e richiamavano così l’ attenzione ai brani
del vangelo.
 
 
 
Ingredienti, per circa 50 letterine dell’ alfabeto:
 
150 g di zucchero semolato
45 g di albumi
25 g di nocciole,oppure farina di nocciole
25 g di di mandorle senza buccia, oppure farina di mandorle
12 g di cacao amaro in polvere
 
Procedimento
 
Mettere nel mixser,lo zucchero semolato, le nocciole, le mandorle e
il cacao.
Ridurre il tutto in polvere abbastanza fine.
Passare al setaccio
il mix di polveri in una ciotola di acciaio.
Sbattere leggermente gli
albumi, aggiungerne  la metà alle polveri e rigirare bene il
composto.
 
Mettere sul fuoco una casseruola capiente per il
bagnomaria, scaldare l’acqua senza portarla a bollore, porre sopra la
ciotola con l’ impasto, fare scaldare uniformemente il tutto
rigirando, aggiungere  i restanti albumi, rigirare,con il calore lo
zucchero si scioglierà e cosi renderà i biscotti lucidi. 
 
Il composto
sarà pronto quando, prendendo con un cucchiaio un pò di impasto
e facendolo cadere, farà un filo consistente.
Rivestire una teglia di
carta da forno.
 
Versare  il composto nella sac à poche, e cercare di
formare le lettere dell’ alfabeto, il più possibile della stessa
grandezza circa 4 cm e distanziate tra di loro.
 
Lasciare riposare 12
ore, questo servirà perchè si formi sopra la pellicina per far si che in
cottura non si formeranno le crepe.
 
 
 
 

 Scaldare il forno a
150°/160°C.

Cuocere i biscotti per circa 10/15 minuti, lasciarli asciugare bene, sfornare e far
raffreddare. Se la cottura e stata ottimale i biscottini si dovranno staccare bene dalla carta da forno.

 
 In questo periodo di quaresima nelle pasticcerie e i forni di
Prato si trovano abitualmente.
Sarà un delizioso regalo per la Santa Pasqua ad amici e parenti.

 
 
(Visited 178 times, 1 visits today)

Comments

Be the first to comment.

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Liquore alla liquirizia